Insegnare ai più piccoli come allacciare una scarpa, autonomia ed educazione

Postato su

“Imparare mettendo in pratica” è una delle grandi basi con cui si apprende sin da piccoli ad allacciarsi le scarpe. È sempre più comune che anche ragazzi ormai adolescenti non abbiano idea su come si possa fare ad annodare un laccio, movimento complesso che richiede coordinazione ed entrambe le mani.

Allacciare le stringhe delle proprie calzature sin da piccoli è un passo fondamentale nello sviluppo dell’abilità psicomotoria dell’infante, che apprende così come raffinare la coordinazione delle sue dita, coltivando delle capacità che spesso fino a quel momento sono ancora grossolane. È considerato inoltre anche un grande gesto di autonomia, poiché è comunemente una delle prime sfide in cui affrontate da un bambino da solo, sotto adeguata supervisione di un adulto. Ci sono diversi metodi con cui il piccolo può lavorare da solo, anche in assenza di genitori ed educatori, scoprendo in assoluta indipendenza come creare nodi solidi e in totale naturalezza.

Spesso si insegna ai propri figli come allacciarsi le scarpe utilizzando proprio quelle che indossa in quel momento. Ci sono vari altri metodi, tuttavia, che è possibile scegliere qualora non vi sia un esperto sul posto pronto a realizzare il nodo alla fine, qualora i tentativi non vadano a buon fine. In molti utilizzano assi di legno con dei fori realizzati proprio a tale scopo, così da dare al bambino la possibilità di fare pratica. In assenza di questo, chiunque può prendere una scatola qualsiasi e praticare i suddetti buchi di persona, infilando i lacci in maniera tale che al piccolo non resti che provare a creare un nodo perfetto, rendendo l’esercitazione un gioco divertente. Chi non abbia a disposizione il materiale può anche scegliere di utilizzare una confezione per uova in cellulosa, o proprio alcuni giocattoli per infanti creati appositamente. Per aiutarlo, è possibile scegliere lacci di colore diverso per lato, così da guidarlo nei movimenti consentendogli sempre di comprendere le movenze eseguite.

Condividi su:

enEnglish

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *